Le responsabilità del Committente parte 1

committenteQualsiasi sia il tipo d’intervento che dovrà essere realizzato su di una copertura, questa è considerata essere un luogo di lavoro e pertanto soggetta alle disposizioni TUS di cui al D. Lgs. 81/08. Ciò è vero anche per i piccoli interventi di manutenzione ordinaria, quelli per cui non è necessario richiedere alcun permesso autorizzativo. Il proprietario di un immobile, l’amministratore di condominio, il responsabile del servizio di prevenzione e protezione di un fabbricato industriale, preliminarmente all’incarico di esecuzione di un qualsiasi lavoro di manutenzione ordinaria ad una impresa o lavoratore autonomo, ha l’obbligo di informare il soggetto esecutore dei pericoli e rischi connessi all’attività che dovrà essere eseguita. Nei casi in cui la copertura del fabbricato è dotata di dispositivi di ancoraggio, il Committente informerà l’impresa o il lavoratore autonomo tramite la consegna in presa visione dell’elaborato tecnico della copertura. Nei casi invece la copertura è sprovvista di misure di protezione contro il pericolo della caduta dall’alto il Committente dovrà accertarsi in proprio o tramite la consulenza di un esperto se l’impresa o il lavoratore autonomo opererà in condizioni di sicurezza tramite l’impiego di soluzioni alternative ai dispositivi di ancoraggio permanenti che in questo caso non ci sono. Al Committente quindi in prima battuta non è richiesta alcuna specifica competenza ma solamente una presa di coscienza di ciò che sta andando a chiedere di fare ad altre persone per proprio conto; in un caso dovrà accertarsi di consegnare l’ETC, nel secondo caso di aver informato il lavoratore del pericolo presente.

Nel prossimo post analizzeremo nel dettaglio i due casi.

 

REGO safety system innovations