Le responsabilità del Committente parte 2

Analizziamo il caso ricorrente del proprietario di una abitazione ovvero un amministratore di condominio ovvero un responsabile del servizio di prevenzione e protezione che si trovi nelle necessità di richiedere un intervento di manutenzione ordinaria su di una copertura sprovvista di protezioni anticaduta. Il proprietario, l’amministratore, l’RSPP, rivestono il ruolo di Committente dei lavori e l’approccio corretto che dovrà esser tenuto sarà di:
– informare l’operatore dei pericoli presenti;
– attenersi alle misure generali di tutela di cui all’art. 15 del TUS ;
– verificare che l’impresa o il lavoratore autonomo possieda l’idoneità tecnico professionale per eseguire in sicurezza le lavorazioni richieste.
Purtroppo quanto richiesto dalla legge non è ben posto a conoscenza del privato cittadino il quale si ritrova coinvolto in pesanti responsabilità nell’eventualità di accadimento di un infortunio. La realtà dei fatti accaduti in passato è ciò che ha portato all’emanazione dei vari regolamenti regionali legiferanti in materia di predisposizione di opportune misure preventive e protettive contro il pericolo della caduta dall’alto connesso ad interventi di manutenzione ordinaria. Per tutte le altre tipologie d’intervento edilizio (manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia, ecc…) il problema esiste ma non si pone in quanto l’idoneità dell’intervento è demandata alla consulenza professionale di un tecnico qualificato che disciplinerà, se necessario, le modalità esecutive in sicurezza di tutti i lavori in quota siano essi afferenti ad una copertura, ad un ponteggio od altro.
Sarebbe opportuna una campagna di sensibilizzazione del problema con la messa in evidenza degli atteggiamenti corretti da tenere in caso di affidamento di piccoli lavori di manutenzione: purtroppo una errata percezione del rischio ed anche una insensata propensione al rischio hanno generato la manifestazione di molteplici infortuni gravi o letali.

REGO safety system innovations